GRANDI NOTIZIE! Abbiamo raccolto finanziamenti per 30 milioni di dollari.

Clicca qui per saperne di più

Airbnb elimina le spese di servizio per i viaggiatori

Airbnb ha deciso di semplificare il processo di prenotazione sulla sua piattaforma eliminando il costo del servizio passeggeri. Finora la società americana aveva proposto un modello predefinito per il pagamento delle spese di servizio. Sia il viaggiatore che l'ospite erano tenuti a contribuire a questi costi. Ora gli albergatori e gli ospiti possono decidere di sostenere tutti i costi di distribuzione per mantenere il controllo sul prezzo esposto al viaggiatore al momento della prenotazione. Se possedete un immobile in affitto su Airbnb, scoprite questo nuovo modello che scuote la tradizionale formula tariffaria.


L'attuale gestione dei canoni di servizio su Airbnb

Quando un viaggiatore effettua una prenotazione su Airbnb, sul suo conto apparirà un costo di servizio. Questi costi sono direttamente legati alla prenotazione del noleggio e servono ad ammortizzare i costi di gestione della piattaforma. Attualmente, le spese di servizio sono a carico di entrambe le parti: il proprietario dell'alloggio e il viaggiatore.


  • Il costo del servizio di accoglienza è pari al 3% del subtotale della prenotazione (prezzo a notte + costi per un viaggiatore aggiuntivo + spese di pulizia). Essi vengono detratti dall'importo versato al locatore.
  • Il costo del servizio di viaggio può arrivare fino al 20% del subtotale della prenotazione. L'importo varia a seconda della durata del soggiorno e delle particolarità dell'alloggio. 

La struttura tariffaria per la gestione del servizio non sembra più adeguata alle esigenze degli ospiti. In effetti, molti hanno espresso la loro frustrazione per questo modello. Applicando un supplemento per il servizio di viaggio, gli ospiti sentono di perdere il controllo sul prezzo finale visualizzato agli ospiti al momento della prenotazione.


L'ospite diventa l'unico responsabile delle spese di servizio

Di fronte ai sentimenti espressi dai proprietari degli alloggi, Airbnb ha dovuto trovare una soluzione per evitare di perdere i suoi clienti. Per questo motivo, la piattaforma ha deciso di abolire la tariffa del servizio di viaggio. D'ora in poi, il cliente non dovrà più pagare le tradizionali spese di servizio al momento della prenotazione. Questi costi sono ora a carico dei proprietari degli alloggi. Per compensare questa eliminazione, i costi del servizio di accoglienza passano dal 3% al 14%.


Questo cambiamento nella struttura dei prezzi si applicherà per default ai nuovi ospiti registrati sulla piattaforma a partire dal 4 giugno. Questo vale per i proprietari di alloggi in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico (escluso il Giappone). Tuttavia, i proprietari possono modificare le impostazioni e tornare al modello di tariffazione del servizio condiviso. Anche gli ospiti già registrati su Airbnb possono beneficiare del nuovo sistema a pagamento. In questo modo, i proprietari sono liberi di scegliere la formula tariffaria più adatta alla gestione del loro affitto.


Le implicazioni di questo nuovo modello di pricing

Applicando una tassa di servizio solo per gli ospiti, Airbnb è più vicina alla gestione delle tasse applicata da altre agenzie online. Booking, il principale canale di prenotazione online, non ha mai addebitato un costo di servizio ai viaggiatori. Lo stesso vale per Homes & Villas di Marriott International. Il gigante dell'hotel ha creato un nuovo servizio di noleggio di alloggi online per competere con Airbnb. Al momento della prenotazione, sul conto del viaggiatore non viene addebitato alcun costo di servizio. Così, cambiando il modo in cui gestisce le tasse, Airbnb intende competere con i giganti dell'industria dei viaggi.


L'aumento dei costi del servizio di accoglienza può spaventare alcuni proprietari. Airbnb dichiara in un comunicato stampa di aver già testato il nuovo modello con numerosi ospiti in tutto il mondo. La società statunitense sta vedendo un aumento del volume delle prenotazioni in alcune regioni. Inoltre, i viaggiatori possono aspettarsi un aumento dei prezzi di noleggio per compensare l'aumento delle spese di servizio a carico degli ospiti.


La decisione di Airbnb in merito alla nuova gestione delle tariffe di servizio potrebbe avere conseguenze per la sua IPO. Qualche settimana fa, Brian Chesky, amministratore delegato della piattaforma di prenotazione online, ha dichiarato che l'azienda è pronta a diventare pubblica quest'anno. L'articolo pubblicato da Skift sottolinea che questa nuova formula di tariffazione potrebbe avere conseguenze finanziarie. Infatti, la percentuale recuperata da Airbnb sui canoni di servizio scende dal 25% al 14%. Tuttavia, questa osservazione deve essere qualificata, poiché il volume delle prenotazioni sulla piattaforma dovrebbe aumentare in base ai test iniziali.


A seguito della decisione di rimuovere il costo del servizio ai viaggiatori, Airbnb mostra la sua flessibilità per adattarsi alle aspettative dei proprietari. Alla luce dei primi risultati, la nuova gestione delle tariffe dei servizi si sta rivelando promettente per il futuro. Il gruppo si aspetta un aumento delle prenotazioni e quindi maggiori ricavi sia per la piattaforma che per gli ospiti e gli albergatori. Offrendo lo stesso sistema di fatturazione dei suoi concorrenti, Airbnb può aspettarsi di guadagnare una certa quota di mercato. Tuttavia, non si sa come reagiranno i concorrenti. Solo a lungo termine vedremo le reali conseguenze della decisione presa dall'azienda americana.



Orange background with text How to create a hotel website which converts visitors into guests?
Guide for independent hotels
Come creare un sito alberghiero che converta visitatori in ospiti?
Guida agli hotel indipendenti
Amenitiz-Icon-White
Orange background with text How to create a hotel website which converts visitors into guests?
Guide for independent hotels
Aumenta le prenotazioni dirette del tuo hotel
Riprendete il controllo sulle vostre prenotazioni