GRANDI NOTIZIE! Abbiamo raccolto finanziamenti per 30 milioni di dollari.

Clicca qui per saperne di più

Lasciare tutto per aprire un gîte rurale

Cambiare vita, guadagnare un'ulteriore fonte di reddito, ottimizzare un immobile... Queste sono le principali ragioni che motivano i proprietari ad aprire un gîte rurale. Considerato come un alloggio turistico arredato, il gîte è un'abitazione completamente arredata e attrezzata ed è riservato all'uso esclusivo dell'inquilino. Questo ambizioso progetto richiede un investimento sia finanziario che personale da parte del proprietario. Come per l'apertura di una pensione, l'apertura di un gîte rurale richiede il rispetto di precise condizioni. Se volete iniziare questo progetto, vi diamo tutti i consigli per avere successo.


Passo 1 : scegliere la posizione

Prima di aprire un gîte, è indispensabile studiare il mercato e confrontare le offerte disponibili per scegliere il luogo ideale. Il potenziale turistico della regione, la sua attrattiva e le infrastrutture dell'area circostante devono essere affrontati. Anche la facilità di accesso gioca un ruolo importante. Il proprietario deve tenere conto dell'accessibilità del gîte attraverso le strade o le reti di trasporto.


Quando un viaggiatore prenota un gîte, cerca un posto tranquillo e silenzioso, ma non vuole ritrovarsi esiliato in campagna. Durante il suo soggiorno, il viaggiatore desidera essere vicino ai luoghi di interesse. Così, le aree ad alto potenziale sono quelle situate vicino a siti turistici (monumenti, parchi di divertimento...), montagne e mare.


Fase 2 : allestimento del gîte

Un locatore che decide di affittare un gîte si impegna a fornire una sistemazione decente ai viaggiatori. Ciò implica l'attuazione delle seguenti disposizioni:

  • Una sala comune 
  • Una cucina o un angolo cottura completamente attrezzata con almeno un lavandino, frigorifero, tavolo, sedie, fornelli, credenza e gli utensili necessari.
  • Un bagno con doccia e lavabo
  • Servizi igienici all'interno del gîte
  • Camere con letto, armadio...
  • Attrezzature per lavare, asciugare e stirare i vestiti

Oltre a queste strutture, il proprietario si impegna a fornire acqua (potabile e corrente), elettricità e un sistema di riscaldamento.

Nel fornire la sistemazione, l'operatore deve tenere conto delle nuove esigenze dei passeggeri in termini di attrezzature. In un mondo ultra-connesso, il Wi-Fi è diventato l'elemento essenziale da integrare in un noleggio. Pertanto, è consigliabile pianificare un budget annuale per il rinfresco del gîte. Per aiutare i proprietari, può essere concessa una sovvenzione per il restauro del patrimonio. Questo aiuto può essere concesso dal consiglio dipartimentale o regionale, ma anche dallo Stato e dall'Unione Europea.


Fase 3: rispettare la legge

Per quanto riguarda le procedure amministrative da espletare per l'apertura di un gîte, il proprietario deve solo dichiarare la sua locazione al municipio del comune. Non è obbligatorio stipulare un'assicurazione. Tuttavia, è consigliabile stipulare un'assicurazione "affitto stagionale" da coprire in caso di danni.


A differenza delle pensioni, la capacità non è limitata. Gli alloggi per gruppi sono specializzati nell'accoglienza di gruppi numerosi. Se il gîte può ospitare più di 15 viaggiatori, l'alloggio è considerato un ERP (Etablissement Recevant du Public). In questo caso, il proprietario deve rispettare le norme di accessibilità in vigore.


Per poter svolgere legalmente la sua attività, il proprietario è tenuto a redigere un contratto scritto (descrizione dell'alloggio, condizioni di annullamento, modalità di pagamento, ecc.


Fase 4: impostare una strategia di marketing

Una volta aperto il gîte, il proprietario deve pensare a una strategia di comunicazione per sviluppare la visibilità del suo stabilimento tra i viaggiatori. Quasi l'85% delle prenotazioni di gîte sono effettuate via Internet secondo l'associazione Clévacances. Per questo motivo si consiglia vivamente di avere un proprio sito web con un motore di prenotazione. I viaggiatori potranno trovarvi facilmente su Internet e prenotare online.


Etichettare il vostro gîte non è un passo obbligatorio, ma può aiutarvi ad acquisire credibilità beneficiando della reputazione dell'etichetta. Gîtes de France è il più conosciuto, con più di 40.000 proprietari. Inoltre, ci sono altre etichette specifiche per un tema (l'ambiente, la disabilità, l'escursionismo...).


Un ultimo consiglio per distinguervi dalla concorrenza: offrite week-end a tema. Quando un viaggiatore prenota un gîte, è alla ricerca di esperienze, vuole scoprire la regione e i suoi dintorni attraverso le attività. In qualità di proprietario, potete offrire loro offerte speciali per incoraggiarli a scegliere la vostra casa vacanze. Soggiorno disintossicante, weekend enologico o soggiorno culinario, le idee sono numerose, basta trovare quella più adatta al proprio progetto.

Aprire un gîte è un progetto che sta attirando sempre più francesi. Anche se questa attività offre una via di fuga dalla vita quotidiana, richiede un investimento quotidiano da parte del proprietario. In media, la gestione di un gîte porta a 10.740€ all'anno, secondo uno studio condotto da Gîtes de France. Vivere attraverso il funzionamento di un gîte può essere complicato, ed è per questo che dovrebbe essere considerato in aggiunta a un'attività professionale.



Orange background with text How to create a hotel website which converts visitors into guests?
Guide for independent hotels
Come creare un sito alberghiero che converta visitatori in ospiti?
Guida agli hotel indipendenti
Amenitiz-Icon-White
Orange background with text How to create a hotel website which converts visitors into guests?
Guide for independent hotels
Aumenta le prenotazioni dirette del tuo hotel
Riprendete il controllo sulle vostre prenotazioni